Percorso Occidentale

6 Oratorio di San Giulio (Gagnone)

Proprio lungo la strada statale che collega la Valle Vigezzo con Domodossola sorge l’oratorio di San Giulio: è il primo che si incontra ed era anche l’ultimo edificio sacro che gli emigranti vigezzini lasciavano alle loro spalle partendo per i paesi d’Europa in cui per secoli si recarono a praticare i mestieri più diversi. Non a caso lì accanto sorge anche la cappella detta “dell’addio”, perché qui i familiari davano il commiato ai loro cari che emigravano e in qualche modo segnava il confine della valle.
L’oratorio di san Giulio sorge isolato nel verde dei prati a breve distanza dalla cappella, con la facciata slanciata preceduta da un portico aperto sui lati, la cui muratura è semplicemente ornata da nicchie. Il piccolo campanile si imposta sulla falda meridionale del tetto.

 


Il monaco greco Giulio, vissuto nel IV secolo, si trasferì in Italia con il fratello Giuliano e si stabilì nel novarese ove si dedicò all’evangelizzazione dei pagani ed alla costruzione di chiese, cento, secondo la leggenda. Sempre secondo la leggenda Giulio avrebbe lasciato al fratello il compito di edificare a Gozzano la novantanovesima chiesa, cercando da solo il luogo dove sarebbe sorta la centesima. Individuato nella piccola isola del lago d’Orta il luogo adatto, Giulio avrebbe steso il suo mantello sulle acque navigando su di esso. Sull’isola Giulio sconfisse i draghi e i serpenti che la popolavano, simbolo evidente della superstizione pagana, gettando le fondamenta della chiesa nello stesso punto in cui oggi si trova la basilica di San Giulio.
San Giulio, patrono dei muratori in virtù della sua attività di costruttore di chiese, è in genere raffigurato mentre naviga sul suo mantello; veniva un tempo inoltre invocato contro le infestazioni di serpenti e lupi, frequenti nelle Alpi. Si festeggia il 31 gennaio.

videoguida

 

 

Gagnone

Come arrivare:
  • in automobile statale della Valle Vigezzo

  • in autobus linea Druogno-Coimo

  • in treno ferrovia vigezzina fermata Gagnone-Orcesco

  • a piedi collegamenti sentieristici con Druogno e Coimo

  • in bicicletta percorso ciclabile Orcesco e Gagnone